Zibibbo di Pantelleria, domani 4 anni nel Patrirmonio dell’Umanità

Era il 26 novembre del 2014, a Parigi, quando la pregiata vite zibibbo ad alberello di Pantelleria entrava a far parte del Patrimonio dell’Umanità, con approvazione unanime di tutti gli stati membri dell’Unesco.

Il dossier, coordinato dal professor Pier Luigi Petrillo (che in precedenza aveva coordinato con successo le candidature all’UNESCO delle Dolomiti, della Dieta Mediterranea e dei paesaggi vitivinicoli delle Langhe-Roero e Monferrato), è stato approvato all’unanimità da tutti gli Stati parte dell’UNESCO.

Si tratta della prima pratica agricola al mondo ad ottenere questo prestigioso riconoscimento, una pratica definita anche “agricoltura eroica” per la tipicità della coltura.

Lo zibibbo è sia il nome di un vitigno a bacca bianca (chiamato anche Moscato d’Alessandria) che del vino dolce che se ne ottiene e il suo nome deriva dalla parola araba zabīb (زبيب) che vuol dire “uva passita”.

vite di zibibbo

Lo zibibbo da luce, poi, al passito il più pregiato tra i nettari che possano immaginarsi nel mondo dei vini dolci.
Provatelo!  provate a berlo, alla giusta temperatura di 6/7°, freddo ma non gelato, socchiudete gli occhi e lasciate che le papille, una per una, accolgano il sopraggiungere degli aromi della terra vulcanica, del mare con la salinità del Mediterraneo e benedetti da un sole straordinariamente unico.

E’ un vino carico di zuccheri e di profumi intensi, adatti sia all’accompagnamento con cibi dolci e formaggi, sia alla pura degustazione e alla meditazione sulla vita, sul senso di essa e su come possa arricchirsi dopo aver assaporato un passito pantesco doc.

Il Passito di Pantelleria è ottenuto esclusivamente da uve zibibbo, innanzitutto.

passito bicchiere uva

L’uva, accuratamente selezionata, viene messa ad appassire al caldo sole dell’isola per 30. In questo modo i profumi e gli aromi vengono esaltati e si raggiunge una concentrazione zuccherina del 60%.

I vini passiti si possono ottenere tramite vari metodi di appassimento delle uve: tramite vendemmia tardiva, oppure tramite appassimento naturale o forzato.

La vendemmia tardiva consiste nel lasciare i grappoli sulla pianta oltre il periodo di maturazione “classica”. In questo modo gli acini continuano ad accumulare zuccheri fino al momento della vendemmia, ottenendo acini con concentrazioni zuccherine elevatissime, vere e proprie zollette aromatiche!

L’appassimento forzato avviene con la raccolta e deposizione dell’uva in stanze ventilate e umidificate, in maniera tale da ricreare un ambiente climatico estraneo altrove, ma di casa a Pantelleria, dove si procede con

L’appassimento naturale,  a Pantelleria, secondo la ricetta di un maestro come Salvatore Murana deve avvenire così:

murana passito

dopo una fase di macerazione di almeno 30 giorni, l’astuto invecchiamento in botti di rovere favorisce la formazione di profumi che contribuiscono a comporre un bouquet complesso ma di grande fascino, e, lasciatemi aggiungere, ineguagliabile.

Il suo magnifico aspetto e le sue caratteristiche organolettiche lo pongono nell’ambita lista dei vini liquorosi più pregiati.

Mentre seguite il percorso di realizzazione del passito, prendetene un bicchiere, fate volteggiare l’elisir all’interno del bicchiere, e osservate i rivoli che persisteranno verso il bordo, la luce, la consistenza.

Con questo suo colore giallo dorato, poi, tendente alla seducente ambra, al palato risulta subito dolce, aromatico, e così gradevole e morbido da inebriare le papille più raffinate e severe.

Avà, vivi e cunteme como te pare… (Orsù bevi, e raccontami come ti sembra)!

Marina Cozzo

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...